Desenzano del Garda (BS), 9 - 10 - 11 - 12 ottobre 2017

MASTER BREVE SUI TRIBUTI LOCALI

MASTER A PAGAMENTO (clicca qui per i costi)

RIVOLTO ESCLUSIVAMENTE A:
Amministratori, Revisori dei Conti, Segretari Generali, Dirigenti, Funzionari e Operatori Uffici Tributi e Finanziari, Società 100% pubbliche Enti Locali, Società e Soggetti privati
 

 

9 - 10 - 11 - 12 ottobre 2017
Hotel Europa
Lungolago C. Battisti, 71
DESENZANO DEL GARDA (BS)

CAPIENZA SALA: 100 POSTIsn_disabile

 

La fiscalità locale nel 2017 si basa ancora principalmente sul tridente dell'imposta unica comunale, IMU, TARI e TASI, trascinandosi dietro tutte le difficoltà applicative che hanno caratterizzato gli anni passati.
In questo panorama, tenuto altresì conto della responsabilità che le normative vigenti attribuiscono agli operatori del settore, diventa imprescindibile la necessità di un continuo aggiornamento normativo oltreché giurisprudenziale sia per assicurare una corretta gestione della materia e sia allo scopo di ottimizzare l'organizzazione ed il funzionamento degli uffici preposti. Inoltre, la preparazione professionale diviene fondamentale per assicurare un corretto ed equo rapporto con il cittadino-contribuente, giustamente sempre più attento e preparato.
Il master programmato e di seguito proposto rappresenta un momento formativo di qualità volto sia a fornire le necessarie basi normative ed interpretative della materia, anche alla luce delle più recenti modifiche normative oltreché giurisprudenziali ma anche, e soprattutto, teso a chiarire i dubbi applicativi pratici che gli operatori incontrano nella gestione quotidiana e a fornire soluzioni operative.
Il master rappresenta, inoltre, un importante momento di scambio e di confronto di esperienze, problematiche e progetti, tra gli operatori del settore.

 

PROGRAMMA

Ore 9,00
Apertura dei lavori 


Saluti:
Francesco TUCCIO (Presidente A.N.U.T.E.L.)

 

PRIMA GIORNATA
Lunedì 9 ottobre 2017
Ore 9,00 - 13,00 ** Ore 14,00 - 16,00
 LA TARI E LA TARIFFA PUNTUALE (alla luce delle novità normative) Durata Ore 6

 

Aspetti di rilievo nella gestione della tassa sui rifiuti per l’anno 2018

L’individuazione del soggetto attivo del prelievo

L’applicazione del tributo sulle attività economiche
- la classificazione dei rifiuti
- l’assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani alla luce dell’evoluzione dei criteri statali
- la tassazione dei magazzini e l’intervento regolamentare del comune
- gli imballaggi e i rifiuti da imballaggio

L’applicazione del tributo su alcune fattispecie: le aree scoperte operative

I criteri di commisurazione della superficie tassabile

La classificazione delle utenze domestiche e non domestiche ai fini del tributo: casi pratici

Il piano finanziario e la determinazione delle tariffe
- gli elementi essenziali del piano finanziario alla luce della recente giurisprudenza amministrativa
- la determinazione dei costi e delle tariffe: il metodo normalizzato
    - la determinazione dei costi del servizio e l’incidenza dei fabbisogni standard
    - l’accantonamento al fondo svalutazione crediti e la sua relazione con il fondo crediti di dubbia esigibilità
    - i crediti inesigibili
    - il mantenimento dell’equilibrio economico del servizio a consuntivo: interventi nel corso dell’esercizio ed effetti sui piani finanziari futuri
    - l’incidenza delle riduzioni/agevolazioni sul piano finanziario
    - la struttura delle tariffa
        - le fasi operative per la costruzione della tariffa
        - l’individuazione dei costi fissi e di quelli variabili
        - i criteri di riparto dei costi del servizio tra le utenze
        - il calcolo delle tariffe ed i criteri di scelta dei coefficienti, la motivazione della scelta e le possibili deroghe
- il criterio alternativo per il calcolo delle tariffe
    - la definizione dei costi del servizio
    -  le possibili soluzioni: la definizione dei coefficienti di produttività qualitativi e quantitativi
    - le problematiche ed i vantaggi operativi

Aspetti critici nell’applicazione del tributo:
- le sanzioni, la recidiva ed il cumulo giuridico
- la riscossione spontanea e coattiva del prelievo

La tariffa corrispettiva
- caratteri e natura della tariffa corrispettiva
- il presupposto per la sua applicazione: la misurazione puntuale dei rifiuti
- i criteri di misurazione puntuale dei rifiuti previsti dal DM 20/04/2017
- le conseguenze della natura giuridica della tariffa
- istituzione, disciplina, applicazione e riscossione della tariffa corrispettiva

I correttivi apportati dal D.M. 20/04/2017 alla determinazione della tariffa

Relatore: Stefano BALDONI (Responsabile Area Economico-Finanziaria e Tributi del Comune di Corciano (PG) - Vice Presidente e Docente A.N.U.T.E.L.)



SECONDA GIORNATA
Martedì 10 ottobre 2017

Ore 9,00 - 13,00 ** Ore 14,00 - 16,00
 IMU E TASI: Questioni e soluzioni Durata Ore 6

 

Gli elementi essenziali dell’avviso di accertamento
- i requisiti della motivazione nelle diverse tipologie di avvisi di accertamento alla luce del diritto vivente;

Le criticità nella notifica degli atti impositivi
- la notifica a mezzo posta e la nuova notifica pec degli avvisi di  accertamento
- le peculiarità della notifica degli avvisi:
    - alle società cancellate, alle società fallite e in concordato preventivo
    - le peculiarità della notifica degli avvisi nelle successioni mortis causa
    - come evitare ogni contestazione sul vizio di notifica e come difendersi in contenzioso

Esenzione ici/imu degli enti non profit
- i requisiti soggettivi ed oggettivi necessari per accedere all’esenzione alla luce dei più recenti principi espressi dal diritto vivente:
    - il concetto di attività commerciale rilevante ai fini imu e i criteri che il Comune deve adottare;
    - l’esenzione per gli immobili concessi in comodato o in locazione, il concetto dell’utilizzo diretto;
    - gli immobili destinati ma non concretamente utilizzati
    - i requisiti necessari per l’accesso all’esenzione di Enti ecclesiastici e scuole paritarie;
    - i requisiti necessari per l’accesso all’esenzione delle onlus;
    - le finalità istituzionali nell’esenzione ex art.7, 1 co.lett.a) e lett.I), dlgs 504/1992
- gli oneri probatori di chi vanta il diritto al trattamento di favore e l’attività istruttoria del Comune per accertare il diritto o meno all’esenzione;

L’applicazione ai tributi locali del principio sulla emendabilità della dichiarazione fiscale
- i principi di diritto vivente sul punto

Imu/Tasi - società di leasing
- soggettività passiva imu e tasi nella locazione finanziaria;
- soggettività passiva imu/tasi nel caso di fallimento del’utilizzatore

Ici/Imu nell’abitazione principale
- le doppie residenze dei coniugi;
- i comodati;
- il comodato tra comproprietari

Le particolari soggettività passive IMU e TASI
- il diritto di abitazione del coniuge superstite e la nuda proprietà.
- il diritto di abitazione ex art.1022 e seg.c.c. e il diritto di usufrutto.
- la soggettività passiva del coniuge assegnatario della casa coniugale.
- la soggettività passiva nel trust.

Relatore: Maria SUPPA (Avvocato Tributarista - Patrocinante in Cassazione - Docente A.N.U.T.E.L.)



TERZA GIORNATA
Mercoledì 11 ottobre 2017

Ore 9,00 - 13,00 ** Ore 14,00 - 16,00
 LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE COMUNALI (alla luce della riforma) Durata Ore 6

 

L’eliminazione di Equitalia e l’affidamento della funzione della riscossione pubblica all’Agenzia delle entrate
- l’affidamento delle entrate comunali al nuovo soggetto pubblico
- la gestione del periodo transitorio

Modelli organizzativi per la gestione delle entrate comunali
- gestione diretta
- affidamento esterno
- modelli organizzativi alternativi
- Equitalia: proroga, remunerazione ed inesigibiltà
- affidamento dell’accertamento e riscossione all’Agenzia Entrate-Riscossione

Riscossione pre-coattiva
- customer care e recupero del credito
- dilazione – compensazione – accollo

La gestione della riscossione spontanea
- l’autoliquidazione e la liquidazione d’ufficio: caratteri e differenze
- strumenti di riscossione utilizzabili: la previsione del D.L. 193/2016 e l’introduzione di PagoPA
- rimborsi, compensazione tributaria e accollo

Gli strumenti della riscossione coattiva
- i termini decadenziali per la riscossione coattiva
- Il ruolo:
    - entrate per le quali può utilizzarsi
    - caratteristiche e procedura di formazione del ruolo
    - compensi spettanti all’agente della riscossione
    - rimborso delle spese di notifica e delle procedure esecutive a carico dell’ente: ipotesi e modalità alla luce dell’evoluzione normativa
    - la rottamazione dei ruoli del 2015 e il rimborso delle spese per le procedure
    - la definizione agevolata dei ruoli del D.L. 193/2016: adempimenti del contribuenti, entrate coinvolte, effetti sui carichi
    - la comunicazione di inesigibilità: la proroga dei termini e le procedure di controllo da parte degli enti
- L’ingiunzione fiscale:
    - la disciplina normativa alla luce della mancata riforma
    - caratteri dell’ingiunzione ed elementi essenziali
    - modalità di notifica dell’ingiunzione fiscale
    - l’addebito delle spese e dei compensi al contribuente
    - la definizione agevolata delle ingiunzioni fiscali introdotta dai comuni

Le procedure esecutive e cautelari
- limiti imposti dalla legge all’avvio delle procedure
- le procedure cautelari: il fermo amministrativo e l’ipoteca
- il pignoramento presso terzi: casistiche
- le procedure esecutive mobiliari ed immobiliari
- il ruolo del funzionario della riscossione

Relatore: Enrico CECCHIN (Esperto Tributario - Docente A.N.U.T.E.L.)



QUARTA GIORNATA
Giovedì 12 ottobre 2017

Ore 9,00 - 13,00 ** Ore 14,00 - 16,00
 L’ATTIVITA’ DI ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI Durata Ore 6


 

Le sanzioni amministrative tributarie
- i principi
- le ipotesi di illecito
- il ravvedimento operoso
- l’irrogazione contestuale all’accertamento
- l’irrogazione autonoma.
- la recidiva
- il cumulo di sanzioni

Il rapporto tributario
- fase ordinaria: elementi del rapporto, adempimenti dei contribuenti

Fase di accertamento
Procedimento di accertamento:
1) iniziativa del contribuente (denuncia o versamento)
2) iniziativa dell’ufficio
Istruttoria:
1) banche dati disponibili
2) contradditorio endoprocedimentale: analisi dei casi in cui risulta obbligatorio
Fase decisoria
1) avviso per infedele/omessa denuncia;
2) avviso per omesso/parziale/tardivo versamento;
Fase integrativa della efficacia
- i tempi della notifica: analisi dei casi di prescrizione e dei casi di decadenza, con particolare riferimento al principio dello sdoppiamento del perfezionamento della notifica
- i canali possibili di notifica, con particolare riferimento alle novità introdotte dal DL 193/16

Alcune metodologie per l’accertamento :
- allineamento della banca dati Tassa rifiuti alle banche dati catastali e soggetti iscritti ruolo:
- individuazione degli immobili non presenti in banca dati tassa rifiuti;
- verifica evasione Tassa rifiuti da anagrafe, da utenze elettriche, idriche;
- verifica unità immobiliari F3 o F4;
- verifica abitazione principale ai fini ICI/IMU,
- verifica valore aree edificabili

Segnalazione qualificate
- fonti normative e regolamentari
- ambiti di intervento
- uffici comunali coinvolti
- alcuni esempi di indagine

Relatore: Christian AMADEO (Responsabile Servizio Tributi del Comune di Settimo Torinese (TO) - Responsabile Ufficio Stampa - Componente Consiglio di Presidenza e Docente A.N.U.T.E.L.)




 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE
(Intero Corso)

TIPOLOGIA ASSOCIATIVA MODALITA' DI PARTECIPAZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE
QUOTA "B"e"C" PARTECIPAZIONE GRATUITA SENZA LIMITI DI PARTECIPANTI
(in regola con le quote associative)
GRATUITA
QUOTA "A"e"A/PLUS" (in regola con le quote associative) € 200,00 a partecipante
 
"SOCIO PERSONALE" (in regola con le quote associative) € 200,00 + IVA
 
NON ASSOCIATI   € 500,00 a partecipante
 
SOCIETA' E SOGGETTI PRIVATI   € 500,00 + IVA a partecipante
 
*Gli Enti associati non in regola con il versamento delle quote associative fino alla seconda annualità antecedente quella in corso non avranno diritto alla formazione gratuita sino alla regolarizzazione della posizione. Fermo restando che nei corsi ove è previsto il pagamento gli Enti associati potranno partecipare versando la quota dei non soci. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione ai seguenti recapiti Tel. 0967-486494 email iniziative@anutel.it”.
LE QUOTE SI RIFERISCONO ALL'INTERO CORSO ESCLUSO IL PRANZO
  • Nel caso in cui l'Ente non fosse ancora associato, può aderire con la quota prescelta e la relativa delibera deve essere necessariamente adottata prima della data del Master.
  • Qualora l'Ente fosse associato con la "quota A" e volesse aderire con la "quota B" può farlo integrando la relativa quota al momento della data di prenotazione.
  • Il pagamento dovrà essere effettuato alla ricezione della ricevuta o fattura, esclusivamente sulle coordinate bancarie indicate.
  • Per gli Enti Locali la quota è esente IVA, ai sensi dell'art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni)
  • Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell'art.3 Legge 13.08.2010, n. 136

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE
(Singola Giornata)

TIPOLOGIA ASSOCIATIVA MODALITA' DI PARTECIPAZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE
QUOTA "B"e"C" PARTECIPAZIONE GRATUITA SENZA LIMITI DI PARTECIPANTI
(in regola con le quote associative)
GRATUITA
QUOTA "A"e"A/PLUS" (in regola con le quote associative) € 60,00 a partecipante
 
NON ASSOCIATI   € 130,00 a partecipante
 
SOCIETA' E SOGGETTI PRIVATI   € 130,00 + IVA a partecipante
 
*Gli Enti associati non in regola con il versamento delle quote associative fino alla seconda annualità antecedente quella in corso non avranno diritto alla formazione gratuita sino alla regolarizzazione della posizione. Fermo restando che nei corsi ove è previsto il pagamento gli Enti associati potranno partecipare versando la quota dei non soci. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione ai seguenti recapiti Tel. 0967-486494 email iniziative@anutel.it”.
LE QUOTE SI RIFERISCONO ALLA SINGOLA GIORNATA ESCLUSO IL PRANZO

 

ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

A conclusione dei lavori verrà inviato l'attestato di partecipazione, identificato con il relativo numero di protocollo, direttamente sulla email indicata in fase di prenotazione.

N.B. Qualora l'Ente partecipasse ad una singola giornata, verrà  rilasciato un attestato di partecipazione come Uditore

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Al fine di garantire una migliore organizzazione, è necessario inviare la scheda di prenotazione entro giorno 3 ottobre 2017

COLAZIONE DI LAVORO

E' prevista la colazione di lavoro al costo convenzionato di € 22,00, a carico dei partecipanti, presso il ristorante della struttura. La direzione del ristorante rilascerà  apposita ricevuta.

E' COMUNQUE OBBLIGATORIO COMUNICARE ENTRO E NON OLTRE 3 GIORNI PRIMA DELL'INCONTRO EVENTUALE MANCANZA DI PARTECIPAZIONE E/O DISDETTA DELLA COLAZIONE DI LAVORO A:
Sede Nazionale: Tel. 0967.486494 - fax 0967.486143
Sede Secondaria di AMELIA: Tel. 0744-978165